All posts by netorange

Software MA100 Microcompax

Scarica SOFTWARE

Microcompax MA 100

MicroCompax MA100 è un modulo posizionatore monoasse stand-alone, dedicato al controllo di attuatori oleodinamici con valvola proporzionale, tramite loop di corrente 4/20 mA.
Si presenta come un dispositivo “cieco”, caratterizzato da un contenitore plastico da montare direttamente all’interno del quadro elettrico su guida DIN.
Dotato di led di segnalazione multicolore, per facilitarne la diagnostica e la messa in servizio, è comunque riconfigurabile sul campo tramite porta USB e apposito software installabile su sistemi Windows.
Il mdulo è dotato di due ingressi corrent loop e di due uscite current loop.
Un ingresso ed una uscita sono dedicati al pilotaggio della valvola, e alla lettura del feedback di posizione.
Un ingresso è utilizzabile come ingresso di setpoint, per pilotare la valvola da remoto.
Una uscita è configurata come monitor della posizione della valvola, per permettere di visualizzare da remoto il corretto recepimento dei comandi di setpoint.


  • CPU NXP 56F800
  • Alimentazione a 24V, con dc/dc converter isolati per ogni loop di corrente.
  • 2 uscite analogiche “current loop” 4/20 mA a 16 bit
  • 2 ingressi analogici “current loop” 4/20 mA a 16 bit
  • 8 ingressi digitali con logica PNP, isolati, IEC61131-2
  • 8 uscite digitali con logica PNP, galvanicamente isolate, High-side, 0.6A per canale


SOFTWARE di BASE

  • Controllo del profilo in anello di spazio, con regolazione di velocità e accelerazione.
  • Segnalazione di stato tramite led multicolore
  • Software di controllo e configurazione, scaricabile qui

Dettaglio Microcompax MA 100

Visualizzazione 3D

 

 

SIDAC: una delle 14 aziende italiane risultate vincitrici dell’ultimo bando Fondi Horizon 2020 per le Pmi Italiane

Fonte: Il Sole 24 Ore

Software per informazioni cliniche o riciclaggio di prodotti elettronici. E poi ambulanze hi-tech, manutenzione remota per motori elettrici, warning in tempo reale sui pericoli per motociclisti, cemento “green” realizzato con materiali di recupero. Sono 14 le aziende italiane risultate vincitrici nell’ultima call dei bandi Horizon 2020, all’interno del capitolo dedicato alle piccole e medie imprese.

Si tratta della prima forma di sostegno, in media 50mila euro, da utilizzare per sviluppare l’idea presentata, arrivando ad un prototipo che possa in un secondo momento sbarcare sul mercato, magari grazie al sostegno decisamente più robusto previsto dalla Fase 2, dove i contributi a fondo perduto possono arrivare fino a 2,5 milioni di euro.

Grazie all’ultima tornata di successi, l’Italia arrotonda il risultato raggiunto nell’intero programma, che vede 424 progetti premiati, per un totale di 118,2 milioni di euro ricevuti.

Tra i progetti selezionati da Bruxelles anche quello della piemontese Alfapress, che in partnership con la lombarda Sidac diversifica la propria attività attraverso Venturas, un sistema per pale eoliche di piccole dimensioni, un modo per allargare l’utilizzo di questa forma di energia rinnovabile rendendola accessibile anche a piccoli artigiani, case isolate, in generale localizzazioni dove è troppo costoso prevedere soluzioni alternative.

«Ci siamo avvicinati al progetto quasi per caso – spiega l’imprenditore Giuseppe Castagneris – attraverso un dialogo avviato con il Politecnico di Torino. L’idea che abbiamo sviluppato prevede pale orientabili, con un funzionamento possibile anche in condizioni di vento minimo e un’installazione “light”, con l’intera struttura trasportabile anche con un piccolo furgone».

Idea già trasformata in un prototipo quasi definitivo, coperto da brevetto, con l’obiettivo di proseguire il percorso con Bruxelles andando a conquistare nuove risorse per lo sviluppo.

«Vogliamo arrivare fino in fondo – spiega l’imprenditore -anche attraverso una partnership strutturata con il Politecnico di Torino e con un operatore del settore che possa aiutarci sul mercato. Dal punto di vista tecnico siamo invece indipendenti, noi ci occupiamo della parte meccanica, il nostro partner lombardo dell’elettronica».

AlfaPress, 35 addetti e 3,5 milioni di ricavi (il massimo storico), ha nella manutenzione delle presse il proprio core business, attività grazie alla quale dal 2011 ha potuto quasi triplicare il proprio organico, con prospettive di ulteriore crescita nel 2018.

Nel progetto presentato a Bruxelles, il piano delle mini-pale eoliche dovrebbe generare al 2012 oltre 80 posti di lavoro, con ricavi per quasi 37 milioni di euro.

«Quella naturalmente è una sfida, un sogno – spiega Castagneris- ma trovando il partner giusto per arrivare sul mercato si tratta di numeri assolutamente realizzabili».

Fonte: Il Sole 24 Ore


This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020
research and innovation programme under grant agreement No791019

INDUSTRIA 4.0, sistemi informatici di fabbrica.

INDUSTRIA 4.0 identifica in sostanza la quarta rivoluzione industriale, attualmente ancora in corso, ed associa all’impiego sempre più significativo di informazioni, di analisi dei dati, di nuovi materiali, macchine, componenti e sistemi automatizzati, digitalizzati e connessi.

In questa prospettiva la SIDAC con le sue applicazioni dell’ambito dell’automazione avanzata, è in grado di proporre soluzioni personalizzate innovative in grado di ridurre gli errori, i tempi e i costi ottenendo un miglioramento significativo della sicurezza dei processi.